Il Ghetto

Vedi la mappa

STORIA DELLA PRESENZA EBRAICA A ROMA Nell'anno 70 d.C. in conseguenza alla conquista di Gerusalemme e alla distruzione del suo tempio comincia la diaspora degli ebrei in tutto il mondo. A partire dal famoso editto di Costantino del 313 d.C. inoltre iniziano le discriminazioni nei loro confronti dovute a pregiudizi di carattere religioso, le quali si aggravano notevolmente in seguito, nel corso del Medioevo. Nei primi anni del Seicento a Roma vivono circa 1750 ebrei, riunitisi qui soprattutto a causa delle espulsioni dalla Spagna, dal Portogallo e dal Regno di Napoli. Ciò spinge Papa Paolo IV ad istituire il "Ghetto" al fine di accentuare la separazione piena dai cristiani; il suo successore Gregorio XIII obbliga gli ebrei ad assistere ogni sabato alle "prediche forzate"; Sisto V dal canto suo invece cerca di ampliare le attività economiche all'interno del ghetto introducendo l'arte della seta. Nel corso dell'Ottocento migliorano le condizioni di vita degli ebrei - grazie all'opera di Papa Gregorio XVI e di Papa Pio IX - e anche il rapporto con il popolo romano - grazie soprattutto all'opera di Angelo Brunetti, detto Ciceruacchio. Durante i moti del '48 (e in particolare a seguito della Repubblica Romana nel 1849) agli ebrei vengono garantite libertà e diritti eguali agli altri cittadini. Dopo l'Unità d'Italia e la Breccia di Porta Pia (1870) gli ebrei romani sono equiparati agli altri cittadini ma cominciano a emergere i numerosi problemi sociali ed organizzativi derivati da trecento anni di ghetto, per cercare di risolvere i quali si prevede la completa distruzione del ghetto e il risanamento della zona ad esso relativa. A partire però dai primi decenni del Novecento inizia una campagna antisemita e nel 1938 vengono emanate le infami "leggi razziali" che segnano l'inizio di una gravissima tragedia per l'umanità tutta.

Abbiamo informazioni sugli ebrei (o giudei) a Roma, fin dal 139 a.C., ma tra i primi scrittori latini che li menzionano ci sono Cicerone (106-43 a.C.) e Varrone (1 16-27 a.C.). Cicerone nomina gli ebrei nel Pro Flacco del 59 a.C. e nel De Provinciis Consularibus dei 56 a.C. e considera la loro religione una superstite. Polemicamente, considera gli ebrei un popolo di schiavi, ma con un certo rispetto: Sua cuique civitati religio est, nostra nobis (Pro Fiacco, 28). Varrone tratta il culto ebraico con rispetto, proprio perché opposto a ogni rappresentazione plastica o pittorica della divinità. Tibullo (55 ca.- 19 a.C.) allude solo al sabato ebraico. Orazio ( 65-8 a.C.) nota il fervore missionario degli ebrei, ma anche la loro semplicioneria. Livio (64 a.C. - 12 d.C.) conosce il Tempio di Gerusalemme e il culto ebraico, del quale fa risaltare l’unicità. Ovidio (43 a.C. - 17-18 d.C.) menziona il sabato, come fa dcl resto anche lo stesso imperatore Cesare Augusto (63 a.C. - 14 d.C.) che ne parla come giorno di digiuno  in una lettera a Tiberio (42 a.C. -. 37 d.C.). Sotto Tiberio (14-37), per l’influsso del potente Seiano, i giovani ebrei di Roma sono deportati in Sardegna per combattere il brigantaggio già allora imperante nell'isola. il Senato decretò che tutti i giudei che non abiurassero la loro fede fossero banditi dall’italia e che i loro oggetti di culto fossero confiscati. Tuttavia il decreto non fu applicato e, nel 31, dopo la morte di Seiano, gli editti protettivi di Cesare prima e di Augusto dopo furono riconfermati. Sotto Caligola (37-41) ebbero luogo insurrezioni giudaiche in Israele e in Egitto, contro la pretesa dell’imperatore che voleva essere adorato come un dio e aveva fatto erigere una sua statua nel Tempio. Una più ampia panoramica sulla storia degli ebrei è dovuta a Pompeius Trogus, storico romano di origini celtiche, del tempo di Augusto, che descrive origini e federazione ebraica, ma anche caratteristiche topografiche della Giudea. Considera l’antico trattato tra Giudea e Roma (del i 61 a.C., del tempo dei Maccabei) un decisivo passo avanti verso l’indipendenza del popolo dal giogo ellenista dei seleucidi. Un’ostilità, anche frontale, per gli ebrei si svilupperà tra gli scrittori romani solo più tardi, iniziando con il pensatore Seneca (4 a.C. - 65 d.C.); con il retore Quintliano (35 ca. - 99); con lo storico Tacito (ca. 55-120 d.C.) e finalmente con Giovenale (morto attorno al 127 d.C.), in epoca cristiana, ma in cui l’attrazione anche verso il giudaismo raggiunge il vertice e molti romani, uomini e donne, spesso dell’aristocrazia, accolgono credo e pratiche sia giudaiche che cristiane che, secondo un punto di vista tradizionale romano, minavano le stesse fondamenta della società. Tacito fa risaltare l’odio degli ebrei (e di altri popoli orientali ai quali li associa) verso gli altri e la solidarietà tra loro. I loro proseliti, imparando a comportarsi da ebrei, diventano, similmente sdegnosi verso gli dei e indifferenti al benessere della patria e delle stesse loro famiglie di origine. Con apparente neutralità, Tacito evidenzia pure la concezione monoteistica e l’opposizione degli ebrei a ogni rappresentazione della divinità. Ma nella descrizione del governo romano della Giudea, lo storico romano non insiste sui carattere ribelle o insubordinato dei giudei; biasima piuttosto la corruzione dei procuratori romani, quali Felice e Floro, e la collega allo scoppio della tragica guerra giudaica (66-70 d.C.), che finisce con la distruzione dei Tempio a Gerusalemme. Del governatore romano Felice (Antonius Felix) si parla a lungo in Atti da 23,24 a 2514. Felice era stato un liberto, ossia un ex schiavo, che era divenuto importante sotto l’imperatore Claudio (morto, forse avvelenato, attorno al 54). Era il marito di Drusilla (che era giudea) e procuratore romano della Palestina negli anni, pressappoco, 52-60. a.c.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.giggetto.it/(“Sito”) gestito e operato da Giggetto al portico D'Ottavia Via del Portico D'Ottavia 21/a-22

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici
I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.


Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie

Prima parte Funzionale

Provenienza

Open Source Solutions

Finalità

Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)

Durata

Cookie persistente

   

2) Tipologia di Cookie

Prima parte - Funzionale

Provenienza

Open Source Solutions

Finalità

Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)

   

3) Tipologia di Cookie

Prima parte - Funzionale

Provenienza

Open Source Solutions

Finalità

Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)



Come modificare le impostazioni sui cookies
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.


Google Analytics
Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google. Google Analytics utilizza i cookies per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web (compreso il Vostro indirizzo IP anonimo) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati. Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en

Interazione con Social Network
Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine del sito. Le interazioni e le informazioni acquisite sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network.
Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

 

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook)
Il pulsante “Mi Piace” e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook Inc.
Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google)
Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter)
Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter Inc.
Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne
Questa Applicazione utilizza a volte in modo non costante video di Youtube e Vimeo, contenuti dei social Twitter, Facebook, Google+ e in generale in base all’occorrenza contenuti embeddabili di altre piattaforme. Il titolare del presente sito non può controllare i cookie che questi siti di terze parti erogano e per questo è consigliato informarsi direttamente presso ogni terza parte per avere maggior controllo su questi cookie. Di seguito alcuni link utili alle policy cookie delle terze parti citate:

Facebook https://www.facebook.com/help/cookies/
Twitter https://twitter.com/privacy?lang=en
Youtube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
Google+ http://www.google.com/policies/technologies/types/
Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy


FORM E MODULI DI CONTATTO
Qualora presenti nel sito, l’utente acconsente all’utilizzo dei dati inseriti nel form di contatto al fine di rispondere alle richieste di informazione, o di qualunque altro motivo (indicato nel titolo del modulo). Dati non conservati.




INFORMAZIONI UTILI
Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito www.giggetto.it